Politiche sociali

Centro Regionale per le Adozioni Internazionali


La realtà delle coppie che scelgano di accogliere un bimbo in affido e, magari, in adozione è una realtà che si confronta con le necessarie cautele richieste dei Tribunali per i Minori e dei Servizi territoriali, tra sanità e sociale. Nelle adozioni di bambini che vengano da Paesi stranieri, il percorso coinvolge i loro Paesi di provenienza attraverso Enti appositamente autorizzati dal Consiglio dei Ministri ad offrire sostegno giuridico e linguistico.

Per agevolare questa realtà ogni Regione ha individuato un sistema di coordinamento degli operatori necessari a seguire le coppie ed i bambini, sia nella fase che precede l'adozione che in quella ancor più delicata che ne segue, migliorando la risposta alle necessità di natura burocratica, medica, sociale. Dal perché si adotta, alla soddisfazione del bambino sino alle complessità dell'inserimento scolastico. Individuare una rete regionale di Servizi socio – sanitari di riferimento, aggiornarne gli operatori, informare le coppie e collegare Tribunali e Servizi in sistemi facili ma efficaci è il dovere del Centro.

______________________

Link alla Commissione per le Adozioni Internazionali istituita presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri


Link alle sezioni dei Tribunali Minorili Regionali

____________________________

Sezione dedicata all'aggiornamento degli operatori attivi nelle adozioni.

La deliberazione n.475/2014 della Giunta Regionale della Campania, nell'affidare al Centro regionale per le adozioni internazionali uno specifico piano di attività, sottolinea come il Centro debba;

  1. aggiornare gli operatori sull'evoluzione del contesto normativo e organizzativo di riferimento;
  2. facilitare un percorso di apprendimento e di crescita nei nuovi operatori puntando sulla valorizzazione dell'esperienza maturata da quanti hanno operato con continuità presso le equipes multidisciplinari responsabili del percorso adottivo;
  3. creare un contesto d riflessione e valutazione dell'esperienze , in modo da favorire l'elaborazione dei punti di forza, debolezza e opportunità del si stema;
  4. affinare le competenze, i metodi e le tecniche per lavorare in modo integrato per l'accoglienza e l'ascolto delle coppie e per la conduzione dei gruppi.


Per il raggiungimento di questi obiettivi e d'intesa con gli Ordini Professionali coinvolti, sono stati programmati e sviluppati eventi di "formazione dei formatori" per gli operatori delle diverse professionalità coinvolti nei percorsi adottivi. Eventi in cui sono stati utilizzati - a monte degli opportuni dibattiti ed approfondimenti - gli strumenti di presentazione giuridica e tecnica sintetizzati nelle apposite slides che vengono, quindi, messe a disposizione di tutti gli interessati.