Ambiente

Rifiuti, decisione UE non poteva essere diversa

Rifiuti, decisione UE non poteva essere diversa
18-04-2013

"La decisione della Corte di Giustizia Ue rappresenta, dal punto di vista procedurale, un atto dovuto poiché la procedura di infrazione nei confronti dello Stato Italiano è ancora aperta e, quindi, la Corte non avrebbe potuto decidere diversamente.”

Lo afferma l'assessore all'Ambiente della Regione Campania Giovanni Romano, in merito al ricorso presentato dall'Italia - e respinto dalla Ue - per lo sblocco dei fondi destinati ai rifiuti. 

“Dal punto di vista operativo e per quanto ci riguarda - ha aggiunto Romano –  la decisione non influisce sul nostro programma di attività. Infatti, seguendo quanto le Autorità Europee ci hanno indicato in precedenti occasioni, abbiamo già avviato la riprogrammazione delle risorse dell’ Obiettivo 1.1. del POR 2007-2013. Andremo quindi avanti - ha concluso l'assessore -per attuare i progetti relativi al potenziamento della raccolta differenziata e all'impiantistica.”

 


Altri contenuti

 
  • Rifiuti, decisione UE non poteva essere diversa

    18-04-2013

  • Ciclo rifiuti, Romano sull’inceneritore di Napoli Est

    03-04-2013

  • Rifiuti, Romano risponde a Sodano sull'inceneritore

    02-04-2013

  • Regione apprende e precisa su termovalorizzatore

    02-04-2013

  • Termovalorizzatore Acerra, superata fase di blocco

    24-03-2013

  • Termovalorizzatore Acerra, superata fase blocco

    24-03-2013

  • Rifiuti, Romano promuove collaborazione tra enti

    21-03-2013

  • Monitoraggio aria, 4 milioni per adeguamento rete

    17-03-2013

  • Depurazione acque, accordo tra Regione e Governo

    14-03-2013

  • Depurazione, accordo per utilizzo di 214 milioni di euro

    14-03-2013