Enti locali

Depurazione fiume Sarno: al via la gestione biologica nell'impianto di Castellammare di Stabia

Depurazione fiume Sarno: al via la gestione biologica nell'impianto di Castellammare di Stabia

01/04/2014 - "E' stato attivato oggi il trattamento biologico dell'impianto di depurazione di Foce Sarno nel comune di Castellammare di Stabia: una gestione che, in linea con gli standard europei, migliorerà sensibilmente la qualità delle acque marino-costiere del litorale stabiese."

Lo comunica l'assessore ai Lavori pubblici della Regione Campania Edoardo Cosenza, delegato del presidente Caldoro al coordinamento strategico dei Grandi progetti.

"Si tratta di un evento storico: questo era l'unico depuratore, dei sei presenti nel bacino del Sarno, ancora privo della gestione biologica, che poi è propedeutica alla linea smaltimento fango. Tale comparto va a sostituire il trattamento chimico-fisico non a norma fino a questo momento utilizzato sull'impianto.

"Le opere di adeguamento del comparto biologico sono state realizzate dalla Arcadis, l'Agenzia regionale di Difesa del Suolo con fondi ministeriali pari a circa 10 ml di euro. Un grazie particolare ad Arcadis, al comune di Castellammare ed all'assessorato regionale all'Ambiente, per il proficuo lavoro svolto. Adesso lavoreremo intensamente per il completamento di tutte le reti fognarie ed i collettori che ancora sono da ultimare nel bacino del Sarno. Il finanziamento delle opere è completo.

"La depurazione è uno dei due grandi problemi che affliggono il fiume Sarno e sul quale la Regione sta intervenendo. L'altro è la difesa idraulica, che è al centro del Grande progetto finanziato e approvato dall'Unione Europea: si tratta di mettere in sicurezza 43.000 abitanti che attualmente vivono in 835 ettari di aree a rischio idraulico elevato o molto elevato. Questi due temi, assolutamente distinti dal punto di vista concettuale, finiscono inevitabilmente per avere alcune interazioni: è per questo che esprimo piena soddisfazione per l'avvio del trattamento biologico.

"Il mio sogno è quello di avere un fiume pulito e sicuro. Ed un bacino fluviale e la costa stabiese e torrese che diventino fonte di attrazione turistica. In questo senso va quanto stabilito ieri dal Consiglio regionale. Andremo avanti in questa direzione con tutte le nostre energie", conclude Cosenza.


Altri contenuti

 
  • Depurazione fiume Sarno: al via la gestione biologica nell'impianto di Castellammare di Stabia

    22-09-2014

  • L'assessore Cosenza sull'ok dell'Ue al Grande progetto Porto di Salerno

    22-09-2014

  • Messa in sicurezza della Strada provinciale 12 di Salerno

    22-09-2014

  • Alluvione Bacino Sele, stanziati 1 milione e 200mila euro

    18-09-2014

  • Corsi sui presidi territoriali della Scuola regionale di protezione civile

    17-09-2014

  • Accelerazione spesa, domani Martusciello consegna decreti finanziamento a 10 Comuni

    11-09-2014

  • Piani di emergenza, Cosenza incontra le Province

    27-02-2014

  • Emergenza sismica, al via corsi per ingegneri

    25-02-2014

  • Accelerazione spesa: riavviati progetti di riqualificazione

    21-11-2013

  • Decreto 35, Sommese: svolta per comuni e imprese

    06-11-2013