Mobilità

Trasporti pubblici: agevolazioni tariffarie estese a Corpo Forestale e Polizia penitenziaria

Trasporti pubblici: agevolazioni tariffarie estese a Corpo Forestale e Polizia penitenziaria

12/12/2014 - Oggi, a palazzo Santa Lucia a Napoli, l'assessore ai Trasporti e alla Viabilità della Regione Campania Sergio Vetrella, su delega del presidente Stefano Caldoro, ha firmato il protocollo per le agevolazioni tariffarie nei trasporti pubblici alle forze di polizia con il provveditore dell'Amministrazione Penitenziaria della Campania Tommaso Contestabile e con Roberto Miele, vice comandante del Comando regionale del Corpo Forestale dello Stato Roberto Miele, delegato dal comandante Sergio Costa.

L’accordo firmato oggi estende al Corpo Forestale dello Stato e alla Polizia penitenziaria il protocollo già siglato con carabinieri, polizia e guardia di finanza, che - per la prima volta in Campania - favorisce la presenza riconoscibile del personale delle forze dell’ordine sui mezzi di trasporto pubblico locale.

L’intesa, realizzata con i vertici delle forze territoriali di polizia su iniziativa del prefetto di Napoli Francesco Musolino, sostenuta anche dagli altri prefetti della Regione, porterà benefici per la sicurezza dei passeggeri e del personale di bordo, i quali potranno viaggiare sapendo che al loro fianco ci saranno più tutori dell’ordine pronti a intervenire per prevenire e reprimere reati.

Secondo quanto previsto dal protocollo, le agevolazioni consistono in uno sconto del 70 per cento sul costo dell’abbonamento annuale per il trasporto interurbano ed extraurbano.

Il riconoscimento delle agevolazioni tariffarie è subordinato all’obbligo degli appartenenti alle forze di polizia di dichiararsi al personale di bordo o ai controllori, esibendo il tesserino di riconoscimento e l’abbonamento.

Nel caso di interventi effettuati a bordo con l’ausilio del personale delle forze di polizia, il controllore o il personale di bordo ne prenderà nota, in un apposito modulo, dove indicherà anche il numero dell’abbonamento.

Gli appartenenti alle forze di polizia si impegnano a:

  • prestare assistenza al personale viaggiante per identificare, su richiesta dei controllori, i viaggiatori sprovvisti di biglietto o con titolo di viaggio irregolare che rifiutino la regolarizzazione e di fornire le proprie generalità;

  • esibire il tesserino e l’abbonamento annuale al fine di rendersi riconoscibile dal personale di bordo;

  • distribuirsi sulle diverse vetture del convoglio e offrire ogni adeguata collaborazione al personale ed agli utenti in caso di emergenza.

Un’apposita Commissione di monitoraggio, che si è già insediata, verifica l’andamento dell’iniziativa semestralmente sulla base dei dati disponibili, e propone le eventuali opportune azioni migliorative.

Estendiamo questa significativa iniziativa - afferma l’assessore ai Trasporti e alla Viabilità della Regione Campania Sergio Vetrella - ad altri due importanti corpi delle nostre forze di polizia, in modo da rafforzare ancor più la presenza e la collaborazione di tutori dell’ordine sui nostri mezzi pubblici per combattere l’evasione, il teppismo, la violenza ed il borseggio a danno dei passeggeri e dei lavoratori del trasporto che sono in prima linea. Episodi che purtroppo sono presenti nel nostro sistema dei trasporti e che generano gravissime conseguenze, oltre che di ordine pubblico, anche di tipo economico, producendo guasti o il fermo dei mezzi. Per questo ringrazio i prefetti e le forze di polizia che hanno aderito al progetto, auspicando che siano presenti a bordo il più possibile in divisa, in funzione deterrente per gli aspiranti delinquenti e rassicurante per lavoratori e cittadini. Cosa che sono certo avverrà, conoscendo la loro sensibilità ed esperienza sul tema. Per parte nostra, a questa azione abbiamo affiancato l’istituzione di squadre di ispettori, che girano nelle stazioni con i vigilantes delle aziende e persino con unità cinofile, a scopo di prevenzione o almeno dissuasione di fenomeni di vandalismo e microcriminalità, oltre che di controllo antievasione.”


Altri contenuti